VISITE MEDICHE

controllo medico

Il Medico Competente

indagini strumentali

Secondo le disposizioni di cui nel D. Lgs 81/2008 e s.m.i. le misure generali di protezione per la salute e per la sicurezza dei lavoratori comportano innanzitutto la valutazione dei rischi, che ricade sotto la responsabilità del datore di lavoro, nonché un controllo sanitario dei lavoratori in funzione dei rischi specifici evidenziati.

In considerazione delle peculiarità e molteplicità dei rischi specifici, è opportuno che venga richiesto un parere al Medico Competente (MC), specialista in Medicina del Lavoro, professionista che può più opportunamente collaborare con il datore di lavoro ed orientare la valutazione del rischio per la salute dei lavoratori.

Il ruolo del MC e’ peraltro appieno giustificato non solo dal suo contributo alla valutazione dei rischi, ma anche dalle tematiche relative all’ idoneità lavorativa alla mansione specifica, atto conclusivo della sorveglianza sanitaria.

Come per tutte le attività di rischio, nella formulazione del giudizio di idoneità l’attenzione del MC deve rivolgersi sia alla tutela della salute dei lavoratori, sia a quella dei clienti, destinatari del servizio.

Le condizioni patologiche possono avere un’origine sia occupazionale, sia essere aggravate o scatenate dall’attività lavorativa, sia essere di origine non occupazionale.

Va comunque specificato che le occupazioni lavorative in genere espongono il lavoratore a determinati e relativi rischi, sulla base dei quali viene impostata la tipologia di visita medica e le eventuali indagini strumentali o analisi di laboratorio.

La casistica peraltro e’ molto variegata, in quanto sono molto variabili le patologie - sia di origine occupazionale che non – nonché la suscettibilità individuale.

La valutazione di queste, sia in fase di ammissione al lavoro sia in fase successiva, è esclusivo compito del MC e ricade sotto la responsabilità finale del datore di lavoro titolare dell’azienda.

È il medico specialista in medicina del lavoro o discipline affini contenute in una lista ristretta, incaricato dal datore di lavoro per la sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente. Il suo ruolo non si esaurisce con le visite mediche ed il giudizio di idoneità, ma comprende molti altri doveri. Tra questi vanno ricordati la collaborazione con il datore di lavoro per la stesura della valutazione dei rischi, l'elaborazione del protocollo sanitario, la partecipazione alla riunione periodica aziendale, la predisposizione delle misure di prevenzione, l’informazione e la formazione dei lavoratori, soprattutto in merito al primo soccorso e l'organizzazione di questo.

Il Protocollo Sanitario

Una sorveglianza sanitaria efficace e’ quella che in fase di assunzione o di prima visita valuti in modo esauriente, alla luce della valutazione del rischio, gli organi bersaglio dei vari fattori di rischio e le condizioni di suscettibilità individuale.

La Medicina del Lavoro ha sviluppato da lungo tempo metodologie cliniche e adottato linee guida che consentono di affrontare con competenza questo compito per i lavoratori dei vari comparti.

Le attività di sorveglianza sanitaria non possono essere naturalmente sovrapponibili per ogni ambiente lavorativo.

La Periodicità della Sorveglianza Sanitaria

La periodicità della Sorveglianza Sanitaria viene definita in fase di stesura del protocollo sanitario e deve essere poi rispettata dal datore di lavoro nel programmare le visite.

Una buona regolamentazione prevede che sia effettuata una visita medica nel momento dell'assunzione del lavoratore, poi nel rispetto della periodicità stabilita dal Medico Competente in fase di stesura del Protocollo ed infine, nell'eventuale cessazione del rapporto di lavoro, una ultima visita medica.

La sorveglianza sanitaria si estende a:

·         ditte pubbliche o private,

·         lavoratori autonomi,

·         dipendenti e collaboratori di ogni genere, anche ove a titolo gratuito,

·         stagisti

·         ecc.

Le indagini strumentali

Sulla base della specificità dell'attività lavorativa il Medico Competente determina la tipologia di Visita medica e le eventuali indagini strumentali che verranno programmate in conseguenza all'analisi dei rischi specifici a cui i lavoratori vengono esposti.

Le varie indagini strumentali ed analisi di Laboratorio che Sorveglianza Sanitaria deve prevedere, oltre alla Visita specialistica comprensiva di Valutazione Rachide, sono le seguenti:

- Spirometria

- Audiometria

- Sceening Oculistico con Visiotest

- Elettrocardiogramma

- Ricerca di Etanolo in aria espirata

- Ricerca di Droghe urinarie (1° liv.)

- Esami di Laboratorio: sarà possibile effettuarli presso il Poliambulatorio di Caorle o San Stino di Livenza, alle tariffe garantite dal S.S. N.

Share by: